Cerca
  • omegnariparte

Un Marchioni opportunista fallisce nel suo intento.

A pochi giorni dalle elezioni Omegnesi e dopo una campagna elettorale che fino ad oggi si era rilevata fondamentalmente corretta, il Sindaco Paolo Marchioni e quel che resta della sua maggioranza, durante il Consiglio Comunale di ieri sera, ha portato avanti un’azione a gamba tesa, figlia del peggior opportunismo elettorale che solo un vecchio volpone della politica poteva compiere così spudoratamente.

Non siamo degli sprovveduti e non ci stupiamo nel vedere come gli ultimi mesi di un’amministrazione siano caratterizzati dal rincorrere i propri ritardi, pensiamo ai lavori nelle manutenzioni ordinarie, alla cura del verde, alla pulizia delle strade nel centro e nei quartieri ed ancora alla pulizia di vari monumenti; potremmo andare avanti all’infinito con degli esempi, ma crediamo non ce ne sia bisogno.


Quello che però riteniamo essere vergognoso, spregiudicato e al limite della correttezza istituzionale, è stato presentare una variazione di bilancio a 12 giorni dalle elezioni, nella quale si è chiesto di spendere una cifra di circa € 86.000, che possiamo riassumere senza timore di essere smentiti come segue:


- € 20.000 per iniziative (dicono loro), da destinare al turismo e da spendere tassativamente entro Giugno del 2022, in realtà trattasi di soldi già spesi in queste settimane, in fiori e qualche concerto mirato e destinato alla campagna elettorale del sindaco Marchioni e dell’assessore Varveri! Ignorando per altro, quella che dovrebbe essere una progettualità legata all’intera estate, che per ovvie ragioni, chiunque amministrerà a breve non avrà il tempo di organizzare a dovere.

- € 40.000 ad alcune società sportive che in molti casi attendono questi soldi da anni e l’amministrazione Marchioni con il suo assessore Perrone, solo ora a ridosso delle elezioni e nella speranza di recuperare promesse fatte e mai mantenute, speravano di salvare la faccia con un intervento in extremis nei confronti di chi, tutti i giorni lavora per il futuro sportivo dei nostri figli e della Nostra Città.

- € 18.000 per un progetto di ampio respiro con l’UNESCO, dove a distanza di due anni dal primo annuncio mediatico che Marchioni fece sull’ipotesi di investire nella storia del casalingo di Omegna e lo si fa oggi, a 12 giorni dalle elezioni, obbligando chi verrà dopo a portare avanti un progetto non discusso, per il quale si sarebbero dovuti vincolare € 18.000 della comunità.


Illuminante l'intervento del Presidente del Consiglio Comunale Tiziano Buzio, facente parte della maggioranza, che ha dichiarato il proprio voto contrario perché ritiene che "non si possano spendere soldi pubblici a fini elettorali".


Evidentemente l’azione spregiudicata da parte di Marchioni doveva essere fermata e il Consiglio Comunale si è espresso in tal senso, dimostrando una volta per tutte come l’arroganza dell’attuale Sindaco lo abbia lasciato solo.


A questo punto, ci sentiamo di dire una volta di più, che l’uomo e i residui della sua squadra hanno toccato il fondo dalla disperazione, mentre dal canto nostro, crediamo e speriamo di avere dimostrato fino all’ultimo momento, che anche dall’opposizione si possono presidiare le istituzioni della nostra Città;

ADESSO VINCA IL MIGLIORE!


Alberto Soressi - Candidato Sindaco

OMEGNA RIPARTE Lista Civica

PARTITO DEMOCRATICO

SINISTRA COMUNE



233 visualizzazioni0 commenti