Cerca
  • omegnariparte

Partire dai Neuroni (Paolo Verri a Omegna)

Ieri all'auditorium del Forum un incontro di Omegna Riparte con Paolo Verri, manager culturale di primissimo piano, che ci ha lasciato molte importanti parole d'ordine, ma sopra ogni cosa la convinzione che anche le piccole Comunità, come il nostro territorio, possono, con coraggio, darsi un futuro diverso.

Partire dai Neuroni e non dai Mattoni è una di queste parole d'ordine.


Parole che hanno costellato un racconto, ricco di dettagli, soprattutto di Torino e di Matera, e di come queste Città abbiano saputo cambiare, anche contro ogni pronostico, il loro destino, con progetti legati alla cultura, declinati con coraggio e responsabilità.


Sono certamenti esempi fuori scala rispetto al nostro territorio, ma la conclusione di Verri è che anche in realtà più piccole, con l'applicazione degli stessi concetti, si possono ottenere proporzionalmente ottimi e analoghi risultati.


Verri, prima dell'incontro, ha inoltre visitato il Museo del Forum e si è piacevolmente interessato della tradizione industriale e Rodariana della nostra Citta, lanciandoci poi nel finale una provocazione/ scommessa su qualcosa da fare insieme in futuro.


Per chi fosse interessato a leggere qualcosa su questi temi segnaliamo il libro di Paolo Verri "Il Paradosso Urbano - Nove Città in Cerca di Futuro" edito da Egea. Il sogno di Omegna Riparte è che un giorno Verri possa scrivere un libro su una Decima Comunità: la nostra.


Questo è quello che intendiamo per Progetti Ampi, Alti e Ambiziosi e per Omegna Epicentro Creativo, che sono due dei concetti che caratterizzano la nostra visione della nostra Città


Omegna Riparte


Paolo Verri

Manager Culturale e Docente Universitario

Ha diretto negli anni fra l’altro:

- il Salone del Libro di Torino (1993-1997);

- il Piano Strategico di Torino fino 2006;

- i Festeggiamenti del 150° dell’Unità D’Italia (2011);

- gli eventi del Padiglione Italia EXPO Milano 2015;

- Matera 2019 Capitale Europea della Cultura






44 visualizzazioni0 commenti