Alberto Soressi

Candidato Sindaco

Care e cari Omegnesi,

sono nato a Premosello 64 anni fa e, tranne una parentesi di dieci anni, ho sempre vissuto a Omegna.

Nel 1982 mi sono laureato in Scienze Agrarie e, terminato il sevizio militare, ho iniziato a lavorare nella scuola, prima come insegnante e, poi, come dirigente scolastico. 


Come docente, ho lavorato soprattutto nelle scuole superiori, prima a Crodo, dove ho ricoperto il ruolo di Direttore della sede e del Convitto e, poi a Novara, con numerosi ruoli nella sfera progettuale, dalla costruzione della Rete regionale delle scuole agrarie alla attivazione dei corsi di Istruzione Tecnica Superiore.

Da dieci anni dirigo l'Istituto Comprensivo "F.M.Beltrami". Mi sento particolarmente legato a questa scuola, perché è proprio qui che ho vissuto il mio primo giorno di elementari e medie e iniziato la mia avventura di insegnante.

Oltre all'attività professionale, a Omegna, già da ragazzo ho vissuto le mie esperienze di attività sociale e politica, ricoprendo l'incarico di consigliere comunale per 10 anni, dal 1980 e rivestendo il ruolo di segretario cittadino del PCI negli anni 80 e dei DS dal 2004 sino al loro scioglimento.


Ho accolto con entusiasmo la proposta che mi è stata fatta di candidarmi a sindaco della mia città, in primo luogo perché mi è stata chiesta da un largo schieramento di partiti e movimenti che già da mesi lavorano alla costruzione di un programma per fare ripartire Omegna.


Abbiamo bisogno di ripensare la nostra città con un programma che coniughi il guardare "alto", con una visione a medio e lungo temine e, al tempo stesso, con una serie di interventi da realizzare subito. Dobbiamo guardare avanti, per attrarre risorse anche umane, senza lasciare indietro nessuno. Penso a una città per i bambini di oggi e quelli di ieri, con particolare attenzione alla terza e quarta età, una città "amica", in cui chi ha idee e volontà trovi nel Comune un aiuto, in cui "rispetto" e "ascolto" non siano parole vuote ma siano il simbolo della nostra comunità.


Oltre all'attenzione nei confronti di tutti i cittadini, al centro della mia visione del futuro di Omegna, c'è una parola, un concetto che ben può riassumere lo spirito della nostra Comunità: creatività. Creatività che è stata la nota caratterizzante dello sviluppo industriale, ma che ha alimentato anche la vita culturale e artistica di Omegna. Un concetto che può rappresentare la base da cui ripartire per rilanciare la nostra Comunità.


Abbiamo bisogno di lasciarci alle spalle divisioni e tensioni, che hanno inquinato la vita della nostra città, ma che non sono proprie del nostro essere omegnesi. Ascolto, collaborazione, solidarietà fanno parte del nostro modo di essere e la prossima Amministrazione le dovrà rappresentare con convinzione, facendone il proprio simbolo.

 
Alberto Soressi si presenta alla Città

Alberto Soressi si presenta alla Città

Guarda ora